Riabilitazione Equestre

La Riabilitazione Equestre è un approccio riabilitativo integrato che, utilizzando il cavallo come mediatore terapeutico, interviene globalmente sulla persona attraverso un’azione nell’area neuromotoria, cognitiva e psico-relazionale.

Il cavallo, grazie alle sue peculiari caratteristiche anatomiche, fisiologiche ed in particolare etologiche, facilita la relazione tra il terapeuta e l’individuo, aumentando l’efficacia delle terapie tradizionali e dei progetti riabilitativi in corso.

Il cavallo diventa così un co-terapeuta sensibile che, con atteggiamento non giudicante, è in grado di instaurare con la persona una relazione empatica speciale. Il setting, naturale e de-medicalizzato, è un ambiente ricco di stimoli che offre nuove esperienze ed occasioni relazionali.

Per tutti questi motivi la Riabilitazione Equestre incentiva la persona a riscoprire e potenziare le proprie risorse e si rivela allo stesso tempo un efficacie strumento di integrazione, grazie al quale aumenta il benessere e migliora la qualità di vita di chi ha vissuto questo tipo di esperienza.

A chi si rivolge?

La Riabilitazione Equestre si rivolge a chi deve affrontare la vita con qualche difficoltà. Per l’Associazione Rubens al centro di tutto c’è la persona, non la sua patologia.

Per ogni paziente viene creato un progetto riabilitativo individuale personalizzato basato sia sulla disabilità specifica che sulla propria capacità di relazionarsi con le persone e con l’ambiente circostante. “La relazione che cura” nasce con il legame empatico ed esclusivo che si crea tra paziente, animale e terapista.

In particolare è indicata per persone che presentano disabilità fisiche, psichiche, cognitive e comportamentali.

  • Disabilità psichiatriche (Schizofrenia, Disturbi dell’umore, Disturbi d’ansia, Disturbi della personalità, Disturbi dell’affettività, Nevrosi,…): con un intervento riabilitativo globale è possibile una diminuzione  della sintomatologia attraverso la motivazione, il rafforzamento del sé sano e dell’autostima, l’apprendimento delle regole sociali, il recupero delle capacità relazionali affettive e la conquista dell’autonomia.
  • Disabilità fisiche (Paralisi cerebrale infantile, Trauma cranico, Trauma prenatale, Mielolesioni, Malattia neurodegenerative,…): è possibile lavorare sul recupero motorio, il rinforzo muscolare, il recupero della coordinazione e dell’equilibrio.
  • Disabilità cognitive (Sindrome di Down, Sindrome di Jacobsen,…): l’obiettivo principale è migliorare l’autonomia quotidiana tramite la stimolazione della memoria, dell’apprendimento e del linguaggio.
  • Disordini comportamentali (Autismo, ADHD, Bullismo, Disturbi della relazione,…): il processo rieducativo mira alla ricostruzione della personalità agendo sulla capacità di adattamento all’ambiente e di gestione delle relazioni sociali

Come si svolge una seduta?

Per prima cosa, se siete interessati a intraprendere un percorso di Riabilitazione Equestre gli step sono i seguenti:

  1. Contattare il Direttore Tecnico dell’Associazione, ovvero la Dott.ssa Francesca Bisacco, inviando una mail a: associazione.rubens@gmail.com oppure contattandola telefonicamente al: 340.465.11.52;
  2. Scegliere la sede più adeguata alle vostre esigenze;
  3. Dopo aver fissato un appuntamento presso la sede selezionata, vi sarà un primo momento dove avverrà la presa in carico della persona e successivamente si sceglierà un orario concorde da entrambe le parti e si incomincerà il percorso di Riabilitazione Equestre.

In una seduta terapeutica/riabilitativa, ogni singolo paziente viene sempre seguito da un terapista della Riabilitazione Equestre che, esclusi cambiamenti richiesti dall’obiettivo riabilitativo, non cambia mai, per far si che si crei un rapporto di fiducia tra il paziente e il terapista. Vi è sempre la figura di uno o due ausiliari, a seconda del caso, che coadiuvano il terapista e si occupano della conduzione del cavallo.

Ciascuna seduta terapeutica è strutturata con:

  • Modulo iniziale di benvenuto con spiegazione dell’attività quotidiana e saluto al cavallo;
  • Corpo centrale della seduta sempre diverso con fase a terra e/o fase in sella;
  • Momento di restituzione finale ritualizzato con il paziente che offre un premio al cavallo per ringraziarlo.

L’Associazione Rubens ha ideato una metodologia, denominata Metodo delle 3 C©, sulla base della quale si realizza ogni percorso di Riabilitazione Equestre.

  • CONOSCENZA (Avvicinamento al cavallo, etologia e strumenti di contatto)
  • CAPACITA’ (Esercizi da terra e a cavallo, percorsi e giochi)
  • CONFRONTO (Dimostrazione delle capacità acquisite, inversione di ruolo)